lunedì 12 marzo 2012

Ogni gatto ne va matto: arrampicarsi sugli alberi

Oggi inauguro una nuova rubrica: Ogni gatto ne va matto, nella quale tratterò le preferenze più curiose del nostro micio domestico.
Un'attività che in genere ai gatti piace molto è l'arrampicata sugli alberi. Avete mai conosciuto gatti che non adorassero salire sugli alberi o, in generale, arrivare su posti sopraelevati? Io mai, anzi tutti i miei gatti hanno sempre fatto carte false pur di raggiungere vette inesplorate, ivi compreso il tetto della casa... (poi venivano prontamente recuperati da mio padre, che saliva lui stesso sul tetto). 
I mici spesso sono bravi arrampicatori, grazie alla loro agilità e al loro perfetto senso dell'equilibrio, per merito della loro coda in grado di bilanciare il peso del corpo. Questa tendenza dei gatti "all'altitudine" si deve a diversi motivi: indomabile curiosità felina che li porta ad arrivare dovunque, nonchè l'antico istinto di animale selvatico che suggeriva di guadagnare un punto d'osservazione in alto, per essere padroni del territorio, così da localizzare eventuali prede, ma anche per raggiungere un posto sicuro dai predatori. In natura, ad esempio, il leopardo passa molto del suo tempo sugli alberi e non è insolito che vi porti i resti della preda, per consumarla con calma appollaiato tra i rami, evitando così che altri predatori possano sottrargli il pasto.

Paciocca su un albero: è una maestra di arrampicata
e fin da piccola è sempre stata bravissima a scendere

In realtà non tutti i gatti sono da subito esperti arrampicatori: spesso raggiunta la vetta, se non trovano un pò di calma interiore, diventa per loro difficile scendere perchè si fanno prendere dal panico. Il problema fondamentale è che il gatto, per conformazione di zampe e unghie, trova davvero molto facile e divertente l'arrampicata, ma molto ostica la discesa. Il gatto quindi deve trovare il modo di scendere piano, artigliandosi al tronco, cosa fattibile solo se si mette con il muso rivolto verso la chioma e non verso il terreno, mettendo poi una zampa dietro l'altra, all'indietro. E' una discesa un pò alla cieca, che a qualche gatto sembra controintuitiva, quindi non tutti i mici ci riescono immediatamente. Di solito, specie se l'albero è ricco di rami e di appigli, prima o poi il gatto si fa coraggio e decide di tentare la discesa.
Chiamare i pompieri per cercare di aiutare il gatto a scendere dovrebbe essere l' "ultima spiaggia": sappiate che l'intervento dei vigili del fuoco può spaventare molto il gatto, che potrebbe perfino lanciarsi nel vuoto, prima di venire raggiunto dalla gru. Quindi bisogna sempre valutare bene la situazione, perchè non è detto che il nostro intervento sia sempre la cosa migliore; bisognerebbe intervenire solo quando è chiaro che il micio non ha alcun mezzo grazie al quale scendere autonomamente.

"Chissà mai che non riesca a prendere qualche uccellino..."

In linea di massima, comunque, i gatti imparano velocemente i propri limiti e un micio che sia poco adatto all'arrampicata sugli alberi, dopo una prima esperienza negativa, tenderà ad evitare di farlo. I gatti invece che, come Paciocca, sanno salire e scendere alla perfezione, non perderanno occasione per farlo e per sottolineare il fatto (anche a voi!) che loro possono. La mia gatta ama talmente le altezze che non solo si arrampica sugli alberi, gasatissima, il più in alto possibile, ma ogni notte sale anche un'intera scala a pioli per raggiungere il soppalco del nostro garage, che è diventato la sua "zona notte". Ogni mattina scende placidamente dalla scala, salutandoci allegramente. Evito di sottolineare il fatto che io soffro di vertigini e sul soppalco non sono mai riuscita ad andarci...


"Vuoi venire anche tu quissù?"

Vi lascio appunto un video della mia gatta in una sua performance (neppure delle migliori) su un arbustro del giardino: "Paciocca Free Climbing"... o farei meglio a dire "Tree Climbing"? Notate la nonchalance con cui mordicchia il legno e gioca tra i rami, incurante della postazione poco stabile: la classe non è acqua...




P.s. Se pure troverete questo video insignificante, nel frattempo potrete ascoltare "La Primavera" di Vivaldi. Già questo è un buon motivo per guardarlo!

14 commenti:

  1. molto carina la nuova rubrica e Paciocca è una vera peperina!!! ciaooo

    RispondiElimina
  2. Paciocca è agilissima! Il mio gatto, vivendo in appartamento, non si arrampica sugli alberi però tutti i mobili anche i più alti sono stati scalati con successo:-)!

    RispondiElimina
  3. sono daccordo con te.
    I miei 4 gatti,chi metro più chi metro meno,amano arranpicarsi.
    Pensa che sia Ale che Leo che adesso hanno 10 anni ,quando erano più giovani e magri con un salto erano sul termosifone e poi sulla porta e da li passavano all'armadio,camminando in lungo e d in largo.
    Poi kimba ...per ben due volte abbiamo dovuto recuperlo dal tetto,ma sembra che dall'ultima volta che poi chissà come era finito nella loggia della mia vicina,spaventatissimo,adesso non esce quasi più sul balcone....
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh Lu, anche diversi miei gatti sono finiti sul tetto e non ti dico lo spavento che avevano preso... ma hanno imparato in fretta, come Kimba, una volta fatta una brutta esperienza poi non la ripetono più!!

      Elimina
  4. Il mio Tigro si arrampica per poter conversare con me che sono in balcone! :D

    S.

    RispondiElimina
  5. Ciao Silvia!! Quant'è bella Paciocca!!!
    In giardino ho solo alberi da frutto non molto alti e in estate Kali è sempre in cima!!
    Adora dormire sdraiata su un ramo, sempre lo stesso all'ombra delle fronde!! (secondo me scomodissima)
    Passa delle ore in quella posizione!!!!
    Un bacio grande grande e felice serata!!!
    Tante coccole alla stupenda arrampicatrice!!!

    RispondiElimina
  6. Che temeraria,cammina anche sui rametti sottilissimi!!!
    La mia micia è talmente casalinga e grassa che non è neppure capace.Non salta neppure sui davanzali.una volta saltando su un davanzale è caduta di sotto (per fortuna era il primo piano) e da allora non sale più.una micia che vive in basso!

    RispondiElimina
  7. ahahah! mi ricordo ancora uno dei gatti che ho avuto quand'ero piccina, che era salito su un albero ed è rimasto li, 3 ore a miagolare disperato. Allora mio cognato s'è arrampicato per prenderlo. Una volta arrivato il gatto cosa fa? se ne scende di corsa da solo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh eh!! Tipico comportamento gattesco!!!

      Elimina
  8. Una vera campionessa di agilità la tua Paciocca!! E senza timore pure sui rami più sottili!
    Grazie per la bella spiegazione!!

    RispondiElimina
  9. Interessante la nuova rubrica e molto bello il video (musica meravigliosa!!!). Complimenti alla tua bravissima Paciocca, è una vera equilibrista e dopo si fa coccolare alla grande!!!
    I miei sono gatti d'appartamento.....molto pigri, giusto qualche mobile....Nerello ha scalato con grande abilità il ficus che tocca quasi il soffitto, ma ti confesso che lo scoraggio molto!!!
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Nerello sul ficus!! Ti capisco quando dici che lo scoraggi, pensa che quando avevo i micini piccoli ci hanno fatto fuori la kenzia e rovinato svariati tronchetti della felicità... e Paciocca ne era stata la prima responsabile! :-0

      Elimina
  10. è vero hai ragione. Paciocca poi è una gran campionessa!!!
    i miei gatti stanno solo in appartamento e purtroppo stare fuori hanno paura, vanno solo sul balcone.
    buona giornata

    RispondiElimina
  11. Anche il mio gatto Mirtillo adora salire sugli alberi, ha solo quattro mesi ed e' agilissimo, il pomeriggio, all'ora dell'uscita quotidiana, si lancia come un razzo per le scale per arrivare sul prato e gli alberi antistanti la casa, e' felice come non mai, guai a tenerlo in casa tutto il giorno, e' un gatto di campagna!

    RispondiElimina